Vieni Spirito Santo 20 .05.2018

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

„Lo spirito viene con l’aiuto della nostra debolezza. Perché quando non sappiamo come pregare come dobbiamo, lo Spirito stesso ci contribuisce nelle nostre suppliche che non possono essere espresse in parole. Colui che penetra nei cuori conosce l’intenzione dello Spirito, sa che contribuisce per i santi secondo la volontà di Dio „.
(Rom 8: 26-27).

Sorelle e fratelli in Cristo Signore.
Ancora una volta nelle nostre vite, viviamo una giornata gioiosa in cui lo Spirito Santo riempie tutto il respiro di Dio dell’intero genere umano. Riempito con i suoi doni e riempito con la Sua potenza, seguendo le orme dell’apostolo Pietro, vorremmo e che oggi chiamiamo: „Uomini d’Israele, ascoltate quello che dico: Gesù di Nazareth, un uomo la cui missione che Dio ha confermato a voi fatti straordinari, prodigi e segni, che Dio ha fatto per mezzo di lui nella tua tra voi, come sapete, questo marito, che per volere del decreto e della predizione di Dio, fu liberato, inchiodò le mani degli empi alla croce e uccise. Ma Dio lo ha risuscitato, avendo rotto i legami della morte, perché era impossibile per lei regnare su di lui „(Atti 2: 23-24).
Riconoscendo la notevole trasformazione che ha avuto luogo nei cuori e nelle menti degli apostoli, che in un momento di paura e dubbiosi przeistoczyli nel pieno di Spirito Santo e la grande potenza di Dio, e vogliamo noi, il popolo del ventunesimo secolo, per implorare lo Spirito Santo. Chiamiamo, aumentiamo la nostra fede, ci diamo coraggio, ci riempiono della nostra saggezza, insegnaci la devozione e la paura di Dio. Dateci la vostra fede, confidando competenze regalo .Zesłanie profonda preghiera dello Spirito Santo è una celebrazione di rilanciare costantemente la Chiesa, che non muore mai, le porte degli inferi non prevarranno contro di essa, perché lo Spirito Santo dà la vita e rinnova la tua forza.
Dirigiamo i nostri pensieri e i nostri cuori al Cenacolo, in cui gli Apostoli sono rimasti con Maria, dai primi momenti sostenuti e dalla Madre della Chiesa nascente. Noi vogliamo come loro, pieni di Spirito Santo e potenza alle strade delle nostre città, la nostra società e le nostre famiglie, per annunciare la Buona Novella della salvezza, che ha reso il nostro Signore, Gesù Cristo.
Non temiamo il mondo, non temiamo e non temiamo di vedere la debolezza e il peccato.
Il potere purificatore dei sacramenti di Dio cancellerà tutti i nostri peccati e le nostre debolezze. Lo Spirito Santo oggi arriva con l’aiuto della nostra debolezza, la natura umana straziata, così adatta a tutti i piaceri del mondo moderno che così spesso si rivelano fatali per l’esistenza spirituale umana.
Cercando una via d’uscita dalle situazioni difficili della nostra vita, siamo di fronte a Dio per chiedergli aiuto e la sua benedizione. Poi ci rendiamo anche conto di quanto non possiamo pregare. Come i problemi grandi ci dà un vero e proprio colloquio con Dio, e poi lui, lo Spirito di sapienza e di pietà, ci viene in aiuto per rafforzare la nostra fede, che crediamo potrebbe essere aperta al dono della vera preghiera, che non è altro che una conversazione con un vivace e veramente amare il nostro Dio . Ricordiamoci che è lo Spirito Santo che contribuisce a ciascuno di noi nelle nostre suppliche che i pensieri e le parole umane non possono esprimere. Pertanto, Dio sa che cosa abbiamo bisogno prima che gliele chiediamo, ma non vogliamo diventare niemowami spirituale, ma nel dialogo divina eravamo alla ricerca di modi per risolvere i problemi della nostra vita di tutti i giorni, dobbiamo attuare in piena comunione con Dio. Impariamo ad ascoltare Dio, che parla a ciascuno di noi nel silenzio della nostra anima.
Per molti di noi, il cristianesimo è ancora una mera idea inconcepibile o una visione religiosa, con la quale non possiamo identificarci pienamente. Trattiamo Dio, il Vangelo, i comandamenti di Dio, i sacri sacramenti come reliquie di un passato oscuro, nulla che non corrisponda alla realtà moderna del mondo moderno.
Il Regno di Cristo non aderirà mai al regno di questo mondo.
In un mondo in cui viviamo e che, attraverso il rafforzamento dello Spirito Santo, possiamo cambiare per le persone migliori, vivere e lavorare ancora che non conoscono la verità su Cristo, anche dal giorno di Pentecoste che ha preso quasi duemila anni. Anche se il cristianesimo è stato portato in quasi tutti gli angoli più remoti del mondo. Nonostante questo, Cristo soffre ancora la sofferenza di coloro che, come Pietro e gli apostoli non hanno paura di parlare e testimoniare a lui e si tratta per loro di pagare il prezzo più alto. Prezzo, che è, tuttavia, appropriato per adorare il nome di Dio. Pertanto, non abbiate paura Cara Madre che porta nel suo cuore una nuova vita, lacerato dalla tentazione di continuare a vivere per una più facile rompere questa vita nell’atto di infanticidio. Non aver paura perché se ti prendi la briga di essere genitori, Dio non ti lascerà. La madre di Gesù ti sosterrà.
Non temere, caro padre, che si prende cura della prosperità e della sazietà del pane quotidiano per i suoi parenti. Dio, rafforzandoti con i suoi doni e i doni dello Spirito Santo, benedirà il tuo lavoro in modo che nessuno dei tuoi cari soffrirà a causa delle inadeguatezze.
Non aver paura, caro fratello nel sacerdozio. Vai e parla, proprio come San Pietro Apostolo, da entusiasmo e amore per la verità su Gesù, che ha assunto la natura umana per salvarci tutti, che ha innalzato questa natura alla dignità di Dio, entrando come Dio e Uomo in cielo e sedendosi alla destra del Padre. Non temere quando ti perseguiteranno, derideranno, frustano o addirittura uccidono. Stiamo chiamando oggi, il giorno di Pentecoste. Vieni, Spirito Santo, e riempi i cuori di tutti quelli che ti stanno aspettando con i loro doni. Rinnova la Chiesa, sostieni i suoi servi – Pastori della Chiesa, dà forza a coloro che subiscono persecuzioni per il nome di Cristo. Dare alle nostre famiglie e a noi stessi l’abbondanza di doni che ci aiuteranno a perseverare, grazie al quale moltiplicheremo i talenti spirituali dati a noi nei santi sacramenti. Vieni, Spirito Santo. Lascia che il donatore di doni discenda oggi per ognuno di voi. Chiediamo questo ascoltando calorosamente la sua santa parola. Che Dio vi benedica nella Santissima Trinità, l’Uno e il Padre e + Figlio e Spirito Santo

Vescovo Adam Rosiek,

il Primo Vescovo della Chiesa

nella Pentecoste del 2018 d.C.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

„Donna, ecco tuo figlio (…), ecco tua madre”
(J 19, 26b-27a)
Sorelle e fratelli in Cristo.
Inginocchiandosi di fronte al Signore nascosto nel Santissimo Sacramento, prego, chiedendo che ci insegni sulla soglia dell’inizio della Quaresima. Iniziamo citando le ultime sei delle otto parole pronunciate dal Signore sull’albero della croce.
Siamo in grande umiltà di spirito, un nuovo orario di inizio di penitenza e di conversione, la Quaresima dell’anno, che in modo particolare vogliamo vivere al suo fianco e Madre nostra. Con lei e attraverso di lei, vorremmo venire a nostro Signore Gesù Cristo in questo momento.
Tramite Maria a Gesù.
Guidati dalla brama di riconquistare i doni dell’amore di Dio, vogliamo che la Quaresima di quest’anno sacrifichi la nostra conversione e ritorni sulla via della verità. Se non sono stati impostati per tutto il nostro popolo e la nostra spiritualità nel vero pentimento e la conversione, come Ash environ rimanere gesti di ceneri, che non passano il Venerdì astinenza da cibi preferiti, ed è impossibile da realizzare anche il più piccolo della nostra disposizione quaresimale.
Ci troviamo alle soglie della Quaresima chiedendo al Signore il significato della penitenza, il significato della preghiera, l’importanza della carità. Per favore, insegnaci a pregare, ad accrescere la nostra fede, in modo che non dubitiamo del senso di appartenenza al tuo Corpo Mistico, che è la Chiesa. Aumenta la nostra fede in modo da non mettere mai in dubbio la tua presenza di Dio, il tuo essere.
Sorelle e fratelli.
Spesso accusiamo Dio di lasciarci soli con i nostri numerosi problemi. Ma è davvero così, Dio ci ha lasciato soli?
Questi dubbi, a volte si trasforma in lamentele mettiamo Dio sono di solito l’espressione della nostra profonda lacrime spirituali, ribellione o addirittura urlare anima disperato che pogubiwszy nella complessità del mondo moderno non può riconoscere la luce, centinaia di Dio o migliaia di imitazioni che imitano solo la luce di Dio . Non affrontare i propri problemi, che più spesso sono il prodotto del nostro sé, privo di aiuto all’azione di Dio, cercando di urlare come il cattivo, crocifisso insieme con il Salvatore sulla collina del Golgota, incolpare Dio per i loro fallimenti, per le conseguenze del suo peccato, la propria volontà, che così spesso confondiamo con il libero arbitrio ricevuto da Dio In un grido di disperazione, gridiamo: Dove sei, Dio ?!
Dimentichiamo la paura, che egli costantemente ed è sempre vicino a ciascuno di noi, nascosto non solo nel mistero dell’Eucaristia, ma ancora più vicino al presente, che vive nei recessi dell’animo umano. Così spesso sepolta nei nostri affari quotidiani che non permettono alla sua voce penetrato la nostra coscienza nel rumore e costante trambusto del mondo, la musica e il rumore parlare onnipresente,
Gesù appeso sul legno della croce per me e per voi, cari Sorella e fratello, un costante richiamo – a ricordare che a cui partecipiamo e chi siamo. La Quaresima è un grande dono dei cieli. Questa non è un’invenzione della religione, la Chiesa di Cristo, ma il vero dono di Dio, attraverso il quale possiamo riadattare la tua vita e iniziare il viaggio di ritorno inoltre ricordare che vivere qui sulla terra siamo pellegrini verso la casa del Padre.
Madre Corredentrice
Nella Grande Quaresima, che iniziamo con la grazia di Dio, indirizziamo i nostri cuori e i nostri pensieri alla Madre di Gesù. Madre Addolorata che, come nessun’altra al mondo, ha sofferto con Cristo. È lei che risponde a Dio nella proclamazione angelica del suo „fiat – lascia che sia” il consenso libero e informato espresso la volontà di partecipare ai lavori della redenzione, che ha avuto luogo nel Suo Figlio – Gesù Cristo. Era lei che lo ha accompagnato fin dall’inizio e rimase con lui anche quando il mondo si allontanò da lui in modo così vivido evidenziando un’inversione nei file di studenti di fuga, la cattura nel Getsemani, corte ingiusta della sentenza vile Sinedrio, Pilato o presa in giro della popolazione. Fu lei a prenderlo passo dopo passo, ad accompagnarlo, portando spiritualmente il peso della croce. Era il suo sguardo che divenne una fonte di empowerment e conforto per il martire Gesù sulla Via Crucis. Mary lo vide, morire nel dolore come carnefici Figlio diletto inchiodato all’albero della croce e pieno di dolore e di dolore provato vedendo il crocifisso e tutti sentito il suo frastagliato respiro pesante e testimoniando alla sofferenza indicibile, che divenne il sacrificio redentore per tutta l’umanità. E quando tutto è stato fatto, ha anche ricevuto dal Figlio di Dio nella volontà di tutti noi come suoi figli („ecco tua madre” – J19, 27a). Sulle ginocchia di sua madre, il corpo di Gesù fu deposto dopo essere stato rimosso dalla croce.
Quindi se Caro Sorella e Fratello, la tua anima, in una ribellione contro Dio, desidera gridare „dove sei Dio” oggi, guardala. Alla Madre di Gesù e impara in umiltà ad accettare la volontà del Padre che è nei cieli. E che, attraverso l’unità nella Divinità, ha condiviso la Passione di Suo Figlio sull’albero della croce, che ha anche ricevuto il sacrificio della Madre lui, il Figlio unigenito. Grazie a questo sconfinato incarico contenuto nel „fiat”, grazie alle sofferenze e alle sofferenze del Figlio, divenne madre della razza umana, riparando il peccato di Eva ma rappresentando l’umiltà dell’uomo verso la grandezza e l’amore di Dio. Questo amore e misericordia che, insieme al sangue e all’acqua, fluivano dal costato del suo Figlio, lavando miracolosamente l’intera razza umana dagli effetti di ogni peccato. Attraverso la sua partecipazione fedele all’opera di suo Figlio, Maria diventa l’unica razza umana che merita di essere chiamata Corredentrice. Lascia che la consapevolezza di questa verità ci aiuti a sperimentare la Quaresima più profondamente, ma lascia che ci riempia di coraggio nei momenti delle prove della nostra vita. Doni prestati Lasciate che questo grande dono della Quaresima si riempia quest’anno di meditazione su questa straordinaria verità che prima non avevamo realizzato. Lascia che sia un tempo santo di silenzio, dando a Dio la possibilità che possa parlarci nelle nostre anime. Vi incoraggio a riscoprire i valori grandi e preziosi che sono stati nascosti negli esercizi spirituali passionali. Devozioni Passione, Via Crucis, non lasciare che le rimostranze amari saranno solo slogan che ricordano la Quaresima, ma una reale opportunità per ripensare il mio posto alla croce di Cristo. Sto dalla parte di Maria, la Madre di Gesù con Jan o forse tra gli schernitori che si divertono in modo derisorio alla morte di Dio. Cerchiamo di vivere questo grande periodo della Quaresima in grande devozione. Puliamo le nostre anime di peccati. Che non ci sia nessuno tra noi che non si esibirà in questo tempo sacro nella più grande concentrazione e dopo una profonda preparazione del sacramento della penitenza nella scatola confessionale. Senza cercare di comprendere il significato del sacrificio di Cristo sulla croce, senza capire il posto e il ruolo di Maria in questo lavoro, non andare fuori nella tua anima voce di disperazione, che è un riflesso della vostra anima ferita. Per un momento di preghiera penitenziale, meditazione sulla tua vita, lascia che nostra Madre – Maria, che Egli ci darebbe, con lei e seguirla nel nostro pellegrinaggio, cerchi la casa di nostro Padre.

Vescovo Adam Rosiek

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Cari fratelli e sorelle in Cristo, Signore

Vivere, nella festa della Presentazione del Signore, la Giornata mondiale della vita consacrata, vorrei rivolgermi per la prima volta a persone che hanno affidato le loro vite a Dio seguendo il sentiero della vita religiosa.

È anche un momento storico per la Chiesa cattolica nazionale, in cui l’aiuto di Dio inaugura le opere sacre di Dio, che si realizzeranno attraverso l’impegno e il lavoro quotidiano di coloro che offrono a Maria la loro vita a Dio. Chiediamo a Dio la benedizione della Madonna nell’ottobre 2017 nella nostra Comunità della Chiesa, le opere religiose hanno portato i frutti più belli dello spirito. Lascia che la vita di tutti coloro che hanno deciso di unirsi a uno dei quattro istituti religiosi operanti nell’Ordine della Chiesa si arricchisca con la preghiera e il lavoro.

Nel mondo quasi ogni giorno si spegne per sempre la luce del Vangelo di Cristo, spezzando i cuori degli uomini la verità di Dio, distruggendo i principi della vita cristiana e cattolica, la chiusura e quindi la distruzione dei templi, che per millenni un simbolo della presenza di Dio in mezzo a noi. In tali circostanze, la missione del nuovo istituto religioso – i fratelli che portano la luce di Cristo – diventa un’opera straordinaria. L’Ordine, che attraverso la profondità della meditazione e della contemplazione di Dio e la testimonianza del lavoro, approssima i valori che perdiamo abbandonandoci all’amore di Dio.

Care Sorelle e Fratelli

L’uomo non è in grado da solo senza la grazia di Dio

trova la via per tornare a Dio.

Non conoscere Dio, non ci sentiamo il calore del suo amore e il piacere di stare con lui, introducendo i principi della scienza di Dio ha lasciato nel santo Vangelo. Possiamo e dovremmo farlo indipendentemente dallo stato che Cristo ci ha chiamato. Tuttavia, un posto speciale Dio ha scelto per se stesso nei cuori e nelle anime dei sorelle ei fratelli che con il nome sulle labbra di Gesù, il Vangelo e il Rosario in mano, come i missionari hanno deciso di impostare alla conquista del morire ateismo otmętach e secolarizzazione del mondo.

Con questo amore più grande e profonda umiltà, ma inviare una missione del ministero dell’evangelizzazione, Missionarie Figlie della sorella del Cuore Immacolato di Maria e Fratelli – Missionari del Sacro Cuore di Gesù. Lasciate che il vostro ministero quotidiano, testimonianza di vita, di preghiera e profonda devozione per rendere i cuori della gente, così spesso perduti, splendeva di nuovo la speranza di incontrare il Dio vivo e vero, che vuole venire a loro attraverso il ministero di evangelizzazione e dei suoi servi servi.

Sorelle e fratelli

Non è sufficiente parlare dell’amore e della misericordia di Dio.

Con questo amore e misericordia di Dio dobbiamo condividere con il prossimo che ha bisogno del nostro aiuto ogni giorno. Preghiamo per la luce di Cristo, portiamo il Vangelo e l’amore di Dio, aiutando anche i bisognosi, i malati e i sofferenti. Implementa nella tua vita quotidiana religiosa l’ordine che viene dall’Evangelium Vitae. Nessuno che abbia bisogno di aiuto, malato e sofferente, un inferme e un uomo anziano, venga lasciato senza supporto finché si trova solo nelle sue vicinanze.

Per la lotta della vita religiosa, il peso di portare oggi la testimonianza del Vangelo nel mondo, lascia che Dio ti dia il suo tributo all’unica Trinità. In questa straordinaria giornata, la Giornata Mondiale della Vita Consacrata io prego per voi e offro a tutti voi di nostro Signore per intercessione della Beata Madre.

Vescovo Adam Rosiek

2 febbraio 2018

Giornata mondiale della vita consacrata